Pulizia è sentirsi meglio

Come togliere i parassiti dal colon

La frenesia delle nostre vite, in cui lavoro e velocità nello scambio d’informazione limitano al massimo i momenti di riflessione, siamo troppo rivolti verso l’esterno e dedichiamo sempre meno attenzione a quello che accade nel corpo.
La maggior parte di noi infatti vive in compagnia di parassiti che si cibano costantemente di quello che introduciamo nel nostro corpo. Si tratta di vere e proprie muffe, alimentate dalle nostre diete poco attente e squilibrate, in cui dominano cibi spazzatura.
Accorgersi del nostro grado di intossicazione non è mai troppo tardi anche se, avvertiti i primi sintomi, sarebbe giusto intraprendere una percorso di depurazione totale.
Per nostra fortuna, esistono molti rimedi attraverso cui eliminare i parassiti dal nostro colon e, attraverso questo articolo, intendiamo diffondere i sistemi più efficienti per recuperare un buono stato di forma.
Non disperatevi quindi e prestate attenzione a quello che gli esperti di accumuli di tossine nell’organismo suggeriscono di fare per guarire.

 

Ma partiamo dal principio, come si formano questi parassiti all’interno del nostro organismo?

Oggi, a causa dell’inquinamento atmosferico che interferisce negativamente con la coltivazione di frutta e ortaggi e la scarsa qualità dei pasti che andiamo a mangiare, il rischio di essere afflitti da infezioni intestinali è davvero elevatissimo.

parassiti del colon
Tra le ragioni principali che possono favorire la formazione di specie parassita nel tubo digerente vi è lo scarsa attenzione all’igiene con cui conserviamo la verdura o alla mancata pulizia dell’ambiente domestico.
Uno dei luoghi prediletti dai parassiti in cui sono soliti proliferare ed entrare in contatto con l’uomo è il bagno di casa.
Lavarsi le mani può sembrare un gesto ovvio, ma non risulta mai scontato, eppure può scongiurare un gran numero di infezioni del colon. Realizzare una pulizia sistematica delle mani, più volte durante l’arco della giornata e non soltanto prima dei pasti principali, dovrebbe essere un gesto naturale, attraverso il quale garantire un certo grado di benessere.
Non importa se abbiamo la percezione che è luogo in cui ci troviamo è pulitissimo, perchè i microbi e i batteri sono invisibili all’occhio umano e si annidano in spazi ridotti.
Bisognerebbe non abbassare mai la guardia e non perdere l’occasione per igienizzare le pareti e il pavimento delle stanze dell’abitazione.
Non immaginiamo nemmeno quanti batteri potrebbero annidarsi sotto le suole delle scarpe. Dovremmo importare la sana abitudine dei giapponesi di togliersi le scarpe prima di entrare in casa, limitando le possibilità di contagio dell’ambiente interno, da parte dei microrganismi tossici, certamente raccolti dalla strada.

Pulizia del corpo

Così come dobbiamo stare attentissimi nel lavare i luoghi in cui viviamo, allo stesso modo dovremmo essere precisi nel garantire un ottimo livello di igiene personale.
La zona a cui dobbiamo prestare più interesse quando utilizziamo il sapone è quella delle parti intime del corpo. Rischiare che un’infezione colpisca i nostri genitali sarebbe imperdonabile, pertanto meglio dedicare qualche minuto in più al giorno, anziché ricorrere a farmici antimicotici per scroto o per la vagina.

Parassiti intestinali

Esistono parassiti di varia natura. Giusto per fare qualche nome, abbiamo gli ossiuri, il verme tondo, gli ascaridi o anche la tenia, da molti ricordata come “verme solitario”.
Ricordiamo che la miglior cura per questi mali resta sempre la prevenzione e come una efficacie pulizia intestinale, ottenibile tramite idrocolonterapia, possa togliere i parassiti dal colon a lungo. Nei casi più gravi serviranno più sedute di lavaggi d’intestino, ma in ogni caso si otterranno dei risultati gratificanti.

Gli ossiuri sono, per così dire, quelli più noti al pubblico, in quanto spesso responsabili delle colichette o dei dolori di pancia dei bambini, spesso motivo di insonnia per noi genitori. La velocità con cui riescono a riprodursi nel corpo, trovando nel colon un habitat ideale, è il motivo del perchè creino così tante preoccupazioni tra la popolazione.
La diffusione dell’infezione è relativamente semplice. Sarà sufficiente ingerire le piccolissime uova di questi vermi, presenti sulla pelle di altri soggetti già infetti, per essere immediatamente contagiati da questi terribili parassiti dell’uomo.
Basterà dormire nello stesso letto in cui ha riposato un individuo già colpito o indossare un suo indumento, per ammalarsi.

Il verme tondo è anch’esso molto diffuso, la sua infezione è generalmente di genere asintomatica o presenta sintomi molto leggeri. Sono così tante le persone nel Mondo colpite da questa infezione che risulta quasi impossibile definire il numero di contagi da verme tondo che avvengono ogni giorno.

Tra tutti i tipi di parassiti umani, quello un po’ più particolare, è sicuramente l’ascaride. Questo tipo di verme ha una forma particolare e può raggiungere una lunghezza massima di ben 26 centimetri!
Tra i sintomi di questo tipo di infezione vi è il mal di testa, un diffuso senso di stanchezza ed una tosse incessante.

Nell’immaginario di tutti noi però, il verme che incute maggiori timori resta senza ombra di dubbio la Tenia. Si tratta di un parassita diffuso nei colon di tutto il mondo, senza eccezioni. Le dimensioni spaventosamente grandi del vermone solitario, che può essere lungo sino a 9 metri ed occupare per intero il nostro intestino, sono la spiegazione del perchè si ha tanta paura della tenia. Eppure sembrerebbe che facciamo davvero poco per prevenire la sua comparsa, vista la poca attenzione che prestiamo quando laviamo le verdure che consumiamo crude (in particolar modo insalate, finocchi e sedano). Colpisce indistintamente sia le persone adulte che i soggetti più giovani, ma per fortuna può essere combattuta attraverso un pratico trattamento medico, mediante il quale il verme tenderà ad essere prima spezzettato e poi espulso tramite evaquazione.
La medicina ha fatto grandi passi in avanti nel campo della cura delle infezioni del colon e pensare che sino a 50 anni fa, attiravano la tenia con una ciotola di latte per farla uscire “naturalmente” dall’ano, fa venire sinceramente i brividi.

Condividi

Leave a Comment